Se i grandi film fossero z movie – Prima parte

Jurassic Reich- Grottesco

Il chimico Alan Grant e la paleopatologa Ellie Sattler vincono alla lotteria due biglietti per visitare Isla Nublar, una piccola isola dei caraibi. Durante il viaggio si ritrovano seduti l’uno accanto all’altra e scoprono di avere la stessa cicatrice sulla mano. Sono stati entrambi parte di un progetto segreto sulla clonazione umana per la ricerca dell’uomo puro ariano. Scoprono quindi che l’isola è il frutto della fantasia di un eccentrico architetto minimalista e che ogni edificio sulla stessa è squadrato e di color bianco. Incontrano John Hammond, uno dei fisici del progetto Manhattan, rimasto accecato dalla radiazione nucleare. Arrivano al palazzo centrale dove c’è il dottor Henry Wu ad aspettarli. Scoprono da un filmato dell’epoca che egli è il medico nazista che tenne prigionieri i loro genitori durante il III Reich. E’ quindi tutto parte di un progetto. Nonostante i loro tentativi di sfuggire e l’aiuto dell’oscuro agente segreto Tyrannosaurus rex, si ritrovano al centro del complesso. L’abuso di acidi del regista si chiude con una scena orgiastica dove i personaggi si accoppiano con galline antropomorfe ma ariane e il signor Hammond riprende la vista per affermare la criptica frase “ Sto venendo”.

Un esorcista in famiglia– Commedia

Durante una giornata al mare la giovane Regan trova una tavoletta ouija. Fuorviata dalla visione del film omonimo inizia a giocarci ed evoca il demone Paneesalame che la possiede per qualche minuto e và via, lasciandole una sciatica tremenda. Regan inizia a dare segni di squilibrio e a chiedere costantemente della vodka per alleviare i dolori. La madre che è contraria alla medicina ufficiale le pone al collo una statua della Madonna Incoronata di Pompei che effettivamente dà sollievo alla figlia. Grazie ad una conoscenza nella ASL la giovane Regan ha una visita medica di stramacchio da un medico ortopedico(Massimo Boldi) che le consiglia di fare del “dolce su e giù” mentre viene portato in una camera imbottita da dei portantini. Il tentativo fallito di una visita ortopedica porta l’ultracattolica madre a rivolgersi ad un sacerdote esorcista. Egli, affascinato dal corpo della madre, scioglie i voti e fugge con lei, possedendola infine su una porche presa a noleggio. Il signor MacNeil, scoprendosi cornuto, si avventa contro la figlia Regan, attribuendo tutte le colpe alla sua sciatica. La giovane ragazza guarisce miracolosamente e ha una visione sul fatto di non essere la figlia biologica del padre. Il film si chiude con un doppio matrimonio: Chris, e l’ex Prete e Regan e l’ex padre si sposano e iniziano così le riprese del sequel.

Inside-Out – Giallo

Riley, una silenziosa ragazzina transgender, viene trovata morta in una stanza d’albergo dalla domestica. Su ognuna delle pareti della stanza una scritta : Gioia, Disgusto, Paura, Rabbia. Sulla fronte della ragazza capeggia, scritto a pennarello, la parola Tristezza. Le circostanze della morte spingono l’ispettore Scott ad aprire un fascicolo per trovare l’assassino. Nel commissariato arriva il referto dell’autopsia che conferma la morte per strangolamento e l’assenza di violenza sessuale. L’ispettore interroga quindi i genitori che, indaffarati da un trasloco, non si erano nemmeno resi conto della sparizione della figlia. A scuola l’interrogatorio ha gli stessi esiti e si conclude con una scena di alta tensione erotica tra il commissario e una maestra quasi in pensione. Dall’ispezione dell’armadietto si scopre che esso è ricolmo di rose e di scritte riportanti i sentimenti sopra citati. Tutti gli indizi portano al garzone del fioraio, persona veramente cupa e dalle movenze effeminate, che confessa l’accaduto e spiega in un lunghissimo flash-back tutta la storia. Egli e la ragazza avrebbero intrapreso un delicato rapporto BDSM basato sull’esplorazione delle emozioni che si sarebbe concluso con la tristezza della morte. Il ragazzo viene quindi arrestato ma sul suo volto c’è un ghigno: il carcere era il suo fine, faceva tutto parte del piano.

The Wolf of Devil Street – Epico

Giordano Belfort inizia la sua carriera come apprendista di un monaco benedettino. È quest’ultimo che lo introduce all’ascesi e alla meditazione. Giordano segue la vita della purezza e ben presto prende i voti. Poco dopo il ragazzo incontra Donato Azoff che sarà un suo compagno di avventure. Iniziano insieme un percorso di purificazione, di astinenza dal sesso e di profonda autoflagellazione che culminerà nella passeggiata del diavolo. Narra la leggenda che, al termine della strada, ci sia la vita eterna. Intanto il diabolico Patrizio Denham inizia a seguirli e a fuorviarli sulle sacre scritture. A causa della tentazione sempre maggiore Giordano decide di abbandonare per qualche giorno il cammino e, caduto in un dirupo, verrà salvato in volo da un’aquila. Decide così di riprendere il cammino. Quella stessa notte durante una violenta visione Giordano vedrà la fine del mondo e capirà di essere il nuovo Cristo. Si vestirà solo di stracci e continuerà il cammino prima con l’aiuto di Donato e alla fine da solo. Il film termina con la visione di una luce che, dal termine della strada del diavolo, si irradia a tutta l’umanità.

Apocalypse Noir

Il film si apre con la scena del colonnello Kurtz, uno dei più alti gradi dell’esercito americano, che entra nella stanza di un albergo malfamato. Il giorno dopo il sergenteWillard percorre la strada principale del Bronx con una serie di squinternati sulla jeep. Sono dei ragazzi di un centro sociale che sta portando ad una visita medica per farli arruolare con la forza. Ad un certo punto una gang di neri con gli stereo con Wagner a palla cerca di bloccare l’ufficiale con degli AK47. Vedendosi i minoranza egli riesce a fuggire ed a rifugiarsi nell’albergo malfamato. Qui trova un stanza aperta e trova il colonnello Kurtz che abbaia con un guinzaglio. Lo fotografa e poi gli chiede che cosa faccia. Il colonnello giustifica i propri vizi in nome della difesa della patria vagheggiando di essere un eroe dei nostri giorni. Si scoprirà poi che la gang di neri ha una bomba sporca nel seminterrato e in cambio dell’umiliazione di un agente a settimana, evita di farla scoppiare. La guerra secondo Coppola è molto più di un esercizio tecnico: stravolge e sconvolge anche l’uomo più inerte e ligio, rendedolo sporco e inerte in balia del caos della violenza.

Advertisements

Il barbone di via De Pretis

Fuori alla banca, sul basolato,
un uomo giace abbandonato.
Qualche curioso che passa lo guarda
e c’è chi lo sposta con la scarpa.

Poco più avanti c’è un bar carino
dove la gente prende il cappuccino
e mangia i cornetti, poco distante,
da dove un uomo soffre costante.

Chi a bocca piena dice “è un povero asociale”,
lo sdegna come “un povero animale”,
da lui si scosta perché è “lurido e sporco.”
Poi lo spazzino dice “Forse è morto”.

“E’ morto? Chiamate un dottore!
Quest’uomo ha avuto un malore!”
“Forse ha una brutta malattia?”
La gente si sposta, paga e va via.

Siamo rimasti lui, un gatto e io
per qualche tempo di lungo oblio
poi è arrivato il professore
con una macchina dal gran motore.

Si china un po’ svogliato:
“Niente polso o respiro. E’ crepato.
E’ morto al freddo, come un cane,
è inutile portarlo all’ospedale.”

“Ma chi era? Chi ha abbandonato?
O forse è meglio dire “Chi l’ha abbandonato?”
A nessuno interessa questo dettaglio
perché il cadavere ostruisce il passaggio.

“Lo conosco io, è lo zio Gennaro
vende la stoffa nel mercato
ha tre figli Nino, Rosa e Carlo
la moglie suicida, la casa in sfratto.”

Io, sentite queste parole,
mi misi a ridere per l’errore:
“Voi vi sbagliate, amico mio
Gennaro il tappezziere sono io!

I miei figli stanno a casa
e mia moglie fila ancora la lana!”
Ma nessuno mi ascoltava
mentre la salma veniva spostata.

Allora urlai ma le mie parole
come in un pozzo sembravan cadute
e le mie mani prima curate
divennero ruvide, come vetrate.

Quel gatto nero che stava in disparte
cominciò a strusciarsi sulle mie gambe
forse cercava un po’ di calore
o forse a me di dare tepore.

“La morte non ha nessun altro da cui andare
che da Gennaro, un uomo esemplare?
Una persona semplice, un tappezziere,
un uomo che si è inventato un mestiere?”

Il gatto non rispose e continuò a girare
e un poco mi spinse a camminare
verso la salma dal feretro infeltrito.
Guardai dentro: il morto ero io.

La fine

Il male, dunque, che più ci spaventa, la morte, non è nulla per noi, perché quando ci siamo noi non c’è lei, e quando c’è lei non ci siamo più noi.

Epicuro ( trad.Graziano Arrighetti 1967)

Le strade di Napoli erano insolitamente vuote. I lampionai in casacca grigia stavano già accendendo le lampade a gas quando passai per via Toledo. Il portone di Palazzo Cirella era ancora aperto, dopo il saccheggio avvenuto a maggio. Quel palazzo stava là e con quella bocca spalancata emetteva i gemiti d’agonia di chi è stato mortificato nell’anima. Che vergogna. Niente rimaneva delle barricate di maggio se non qualche pietra mancante dal basolato di vesuvite. Forse di questo 1848 si perderanno le tracce.
Tomaso viveva in un appartamento abbastanza discreto. Niente di particolare ma per i soldi che aveva era stato un buon affare. Entrai nell’appartamento, adagiai il mantello sull’appendiabiti e venni subito accolto da un odore chirurgico. Laura, l’infermiera del nosocomio degli Incurabili, mi guardò con uno sguardo fisso. <<Si rifiuta di mangiare e di bere. Dorme la maggior parte del tempo. Ha un’ulcera di Charcot al sacro da qualche ora che non regredisce. E’ il segno che io ho finito qui.>> Le annuì, appoggiando il suo compenso sul tavolo. Poco dopo sentì il rumore della porta che si richiudeva.

Un uomo smunto e cachettico era steso sul letto. Attraverso le palpebre semiaperte si identificavano due congiuntive itteriche. Il collo secco pulsava a tratti sotto la spinta della carotide. Sembrava quasi di potergli raccogliere le clavicole tanto che erano sporgenti. Era sopito in un sonno profondo e irrequieto. Forse cercava di sfuggire da qualcosa ma non ce la faceva. Dalla bocca, chiara come una piuma di cigno, provenivano rantoli e un lamento continuo e insistente.
<<Svegliatevi, amico mio. Come state?>> Nessuna risposta. Gli presi la mano ed era fredda, ruvida, gonfia. Sistemai una sedia al capezzale. <<Signor Tomaso, svegliatevi.>> Il volto gli si contrasse e le palpebre si innalzarono, lente, a scoprire due occhi cerulei cerchiati di giallo. D’un tratto la sua posizione cambiò. Si tese tutto e la bocca gli si spalancò, come se la mandibola gli fosse caduta dalla testa. Le gengive ritirate scoprivano i denti che, nella loro interezza, sembravano quelli di un lupo. <<Buonasera. Vi stavo aspettando>>

<<Non avete paura?>> <<Paura? Prendete piuttosto un’altra sedia per far sedere mio figlio.>> <<Vostro figlio? E’ morto di tisi due anni or sono. Come fate a non avere paura?>> <<Non dite sciocchezze, non lo vedete, sta accanto al letto e ha freddo. Vieni, Giacomino. Siediti qui! Prendete una sedia e una coperta per lui, per Dio! Stalliere! Preparate i cavalli, dobbiamo andare. Stalliere! Devo partire, preparate i cavalli. Luisa! Ho la nausea. Maledetti ladri! Dovete stare attento, ci sono molti ladri in questa casa. Ho qui il mio portafoglio nascosto con i soldi. Come avete detto che vi chiamate?>>
<<Chi sono non importa. L’importante è che io sia qui con voi.>>

Gli misi una mano sulla fronte e riprese lucidità. Mi guardò fisso con uno sguardo carico di dolore. <<Caro Tomaso, vedo che state un po’ meglio. Ne sono felice. La natura, sapete, dissemina semi di gioia e di dolore in ogni cosa. Stamattina, ad esempio, ho visto uno stormo enorme di uccelli volare in maniera talmente ordinata da sembrare un unico essere vivente. Danzavano e, a modo loro, erano felici. D’un tratto un uccello si è separato dagli altri ed è andato altrove. Gli animali quando capiscono che è la loro ora si congedano dai loro affetti e vanno a morire in un luogo dimenticato da Dio.>>
<<Le bestie muoiono in pace. Per gli umani è diverso. Io sto morendo, è vero?>>
<<Temo di si>>
<<E voi chi siete, un angelo del bene?>>

<<Io sono colui che sono. Il miracolo dell’esistenza si apre a voi umani con l’eleganza di un sipario. In scena c’è un atto unico ma a voi non interessa e non vivete, crogiolandovi nelle promesse di un aldilà. Gli oggetti di scena sono sistemati in maniera alquanto maligna, per farvi cadere. E voi cadete e a volte non vi rialzate neanche. Il caso muove gli eventi eppure tutto sembra accanirsi contro di voi. Ogni scusa è buona per non vivere e vi aspettate sempre un lieto fine. Ed ora il siparo si chiude ed eccomi qui.>>
<<Ma quindi non c’è nessun lieto fine?>>

<<Addio Tomaso.>>
<<Addio.>>

 

In copertina:  Eduard Munch . Night in St. Cloud, 1890 Oil on canvas, 64.5 x 54 cm The National Museum of Art, Archtecture and Design
P.O. Box 7014 St. Olavs plass, 0130 Oslo
Norway

Word War Z in 500 parole di odio

W.W.Z. sarebbe un capolavoro se fosse ambientato nel nostro universo. Purtroppo però è infetto da tre virus: Americanata, Azione e Effetto-speciale. E manca di una trama convincente. E’ un insulto alla scienza e all’intelligenza degli spettatori e quindi leggetevi direttamente il libro
Joseph Fassskamk (The Guardian of the Butthole)
Colazione in famiglia: Brad Pitt interpreta un maschio alfa con un mocio in testa. Un’orda di zombie velocissimi  assale New York e impatta contro qualsiasi oggetto di scena. Non ho idea di come ciò accada ma la famiglia si salva dopo aver sacrificato agli zombie un’intera congrega di ispanici bevi-birra. Portaerei  del governo: burocrati in salvo (gli zombie non sanno nuotare) e Brad è ingaggiato per salvare il mondo. La scena si sposta in Corea. Perché Andrew Fassbach, un virologo sbarbatello, deve studiare il “virus” dal suo punto di origine. Appena atterrati ovviamente ci sono zombie ovunque  e la cosa comica (?) è che il virologo muore prima di aver fatto alcuna scoperta. Un attimo prima di morire dice:
<<Madre natura è un serial killer. Il migliore al mondo. E il più creativo. Ma come ogni serial killer non riesce a reprimere il desiderio di farsi catturare. Perché compiere dei crimini perfetti se non puoi prenderti il merito? Perciò lei lascia delle briciole.(…) E lei ama celare le sue debolezze dietro i punti forti. È una vera stronza. >>
Nota per il prossimo film: date le scarpe antiscivolo ai laureati. Un agente della CIA sotto custodia ha farfugliato qualcosa dall’aria antisemita dopo essersi cavato un dente e quindi si vola ad Israele. (Nota la logica della trama) Va tutto bene finché non decidono di pregare e gli zombie li assalgono. Zombie= Comunisti? Su un aereo (BIELORUSSO) preso per scappare Brad amputa la mano ad una soldatessa morsa perché ha intuito che il virus si diffonde risalendo i nervi (come la rabbia). Ovviamente il messaggio è politico: non serve la sanità pubblica per amputare qualcosa in stile Saw. I repubblicani godono & fuck Obama care. L’aereo si dirige quindi verso un laboratorio dell’OMS che sta in Galles. Perché ci vanno? Boh, ero troppo distratto da una improvvisa epidemia scoppiata sull’aereo e da un plane-crash per ricordarlo. Dentro al laboratorio ci sta qualche NERD a caso, un attore di Gray’s Anatomy e un Pierfrancesco Favino. Comunque la terza intuizione di Brad-scienziato-Pitt è che gli zombie evitano i malati e quindi bisogna provare questa teoria. In un trial clinico? No. Infettandosi con un patogeno random e rischiando di farsi mangé (un caso studio). Ma perché nessuno scienziato vero ci era arrivato? Forse nell’universo di World War Z non esiste il concetto di sperimentazione perché è poco glamour iniettare cose ad animali e poi studiarli da vivi e da morti per salvare la gente. Quindi il parere intuitivo di un ex soldato vale quanto quello degli scienziati? Si, e in effetti non solo nel film. Comunque il nostro Nobel si inietta un patogeno a caso e prova a farsi addentare da uno zombie-boss che non lo caga di striscio. Pare che gli zombie siano dotati sistemi di di analisi clinica sierologica.
A questo punto dal Siero di Brad isolano un VACCINO per far rincoglionire gli zombie (questo è contro ogni logica, ogni scienza e farebbe morire ogni immunologo nel raggio di 2 km). La gente immunizzata uccide quindi tutti gli zombie in scene stile lager nazista e poi boh immagini di repertorio e musica dei Muse.
Carino. Ma NON GUARDATELO MAI. MAI.
E se non avete idea di cosa siano, leggete il mio umile articolo sui vaccini:

Non sapranno mai niente di te e di me

Non sapranno mai niente degli sguardi sinceri, delle notti insonni e dei giorni di pace. Ci giudicheranno sempre perché ci siamo amati più di loro. Stravolgeranno le nostre storie come fossero tratte da un libro da bancarella.  Per loro non siamo che dei burattini a cui torcere la testa.
Non sapranno mai niente di te e di me.
Ridono di te mentre indossano maschere di abitudine sul volto. Si sentono migliori di me e sputano sulle poesie che ti ho scritto. Io resto immobile perché ho capito che solo un pazzo lotta per una guerra già persa.
Non sapranno mai niente di te e di me.
Gli infelici hanno un anello di finzione che li unisce in un patto d’amianto. Ipocrita è colui che dice che ama più di quanto ho amato te. Ipocrita colei che crede di poter donare più di quanto tu abbia donato a me.
Non sapranno mai niente di te e di me.
Le cose vanno così, le persone sono così: costruiscono continuamente muri di pietre e forgiano gusci attorno al cervello.
Che bello vedere da quassù i nostri vecchi gusci soggiacere sull’asfalto. Quando apri per la prima volta le ali fa male ed è doloroso iniziare a volare e guardare chi vuoi bene incatenato al pavimento con le proprie mani.

Loro non sapranno mai niente di ciò che eravamo.
Non sapranno mai nulla di noi.

Riccardo II di William Shakespeare in 500 parole

Re Riccardo II è figlio di Edoardo (detto “principe nero). Suo nonno, Edoardo III, ha avuto cinque figli maschi: Edoardo, Lionello, Giovanni di Gaunt, Edmondo e Tommaso di Woodstock. Di questi Giovanni di Gaunt è il padre di Henry Bolingbroke (futuro Enrico IV) e Tommaso di Woodstock sarà assassinato. Si apre appunto con il misterioso assassinio di Thomas Woodstock (duca di Gloucester e zio del re Riccardo) questa tragedia di Shakespeare. Da chi è stato assassinato? MIstero. Tre teorie: 1) è stato proprio RE Riccardo (tesi della critica). 2) è stato Henry Bolingbroke 3) è stato Thomas Mowbray. Ma chi è stato? Henry e Thomas Mowbray si accusano a vicenda e si ritrovano a corte del Re Richard per essere giudicati da lui.

RICHARD-II_Una-scena-dello-spettacolo_2_Foto-PaoloPorto.jpg
Primo cortocircuito: il Re non è super partes. Essendo investito dalla luce divina, dovrebbe per definizione risultare una figura neutra e quindi un giudice retto. Ma in questo caso non solo egli è il cugino di un imputato (che favorirà) ma addirittura presumibilmente il colpevole ingiudicabile.
Il processo esita nella giostra cioè nello scontro fisico tra i due che, sul punto di morire, vengono fermati dal re.
Secondo cortocircuito: il Re è un sadico e si diverte a vedere lo scontro. E’ inoltre molto indeciso e rozzo di modi. Molto poco cavalleresco, molto poco Re.

 

RICHARD-II_Una-scena-dello-spettacolo_4_Foto-PaoloPorto.jpg
A questo punto Richard non si pronuncia proprio né per l’uno né per l’altro ma sentenza l’esilio di entrambi. Solo una differenza: suo cugino, Henry Bolingbroke, potrà tornare in patria dopo dieci (convertiti poi a sei) anni mentre Thomas Mowbray mai. Il motivo di tale disparità di trattamento non è ben chiarito.
Terzo cortocircuito: il Re segue dei ragionamenti totalmente arbitrari e favoreggia per un suo parente.

Prima di uscire di scena Thomas Mowbay profetizzerà, rivolgendosi a Enrico:

<<(..) s’io fui mai traditore,
sia cancellato per sempre il mio nome
dal libro della vita, ed io bandito
sia dal cielo, come lo son da qui.
Ma quello che tu sei, Dio, tu ed io,
lo sappiamo, ed il re fin troppo presto
avrà, temo, motivo di dolersene.(…)>>

e i fatti successivi gli daranno pienamente ragione.

RICHARD-cop-II_GrazianoPiazza-MaddalenaCrippa-AlessandroAverone_Foto-PaoloPorto.jpg

Passa del tempo ed i due sono ormai stati esiliati. Il padre di Enrico, Giovanni di Gaunt (altro zio di Re Riccardo) sta per morire. Re Richard appena viene a sapere di questa sventura non solo ne ride e se ne compiace quanto si impegna ad affrettarne il più possibile la dipartita. Il motivo? Economico. Vuole confiscare i beni che spetterebbero di diritto di successione al figlio Enrico per finanziare la guerra contro l’Irlanda. Lo zio, sul letto di morte, rivolge delle parole molto dure a Riccardo:

<<(…) Il tuo paese è il tuo letto di morte,
e tu vi giaci sopra
ammalato nella reputazione;
(…)Nel breve cerchio della tua corona
sono annidati mille adulatori;
è un cerchio non più grande del tuo capo,
eppure, chiuso in così angusto limite,
c’è un guasto grande come la tua terra.(27)
Oh, se tuo nonno (EDOARDO III ndr), con occhio profetico,
avesse mai potuto antivedere
la rovina della sua discendenza
ad opera del figlio di suo figlio!
Non t’avrebbe permesso certamente
di raggiungere questo tuo potere
del quale hai fatto la tua ignominia;
avrebbe oprato in modo da privartene
(…)Ahimè, nipote,
fossi pur tu il re del mondo intero,
sarebbe già per te grande vergogna
cedere in affittanza questo regno(…)
coprirlo di vergogna in questo modo.
Ma tu dell’Inghilterra non sei il re,
sei solo il suo padrone-proprietario;(…)>>

RICHARD-II_Una-scena-dello-spettacolo_conPaoloGraziosi_Foto-PaoloPorto.jpg

E Riccardo sancirà:

<<“E muoia la vecchiaia e l’umor nero!
Tu li possiedi entrambi,
ed entrambi s’addicono alla tomba. “>>

Una volta che il vecchio è morto Riccardo ne confisca i beni in barba al diritto e dopo questo gesto partirà alla volta dell’Irlanda per guerreggiare.
Quarto corto circuito: il re non rispetta il diritto di successione, il diritto di sangue.
I nobili d’Inghilterra restano talmente turbati da questo atto di forza contro il loro stesso diritto di esistere (la successione dinastica) che ordiscono una congiura. Fanno quindi ritornare Henry precocemente dall’esilio e lo accompagnano alla conquista del regno d’Inghilterra. Quando Riccardo ritorna in Inghilterra, si ritrova in un regno dove non è più amato e del quale, paradossalmente, non è più re. Dopo una serie di dialoghi, di illusioni, di giochi, e di speculazioni sul potere e sulla sua identità Riccardo abdicherà. In particolare è veramente interessante l’evoluzione del personaggio che  dal rango “divino” scenderà a quello di un misero mendicante. (Secolarizzazione del potere?). In queste parole Riccardo si chiede come sia possibile che il proprio corpo abbia potuto contenere la divinità e poi improvvisamente non averla più.

” Qua quello specchio! È qua ch’io voglio leggere.
(Guardandosi allo specchio)
Come! Non più scavata di così
la mia faccia? Con tanti colpi inferti,
non vi lasciò il dolor più grossa traccia?
Ah, specchio adulatore, tu m’inganni
come i miei cortigiani
nella felice stagion del mio regno.
Questa è la stessa faccia che ogni giorno
provvedeva per diecimila uomini
sotto il tetto della sua stessa casa?
La stessa che, radiosa come un sole,
costringeva chiunque la guardasse
ad abbassar le palpebre?… La stessa
che s’è allietata di tante follie
per abbassarsi infine avanti a Bolingbroke?
Fragile gloria splende in questa faccia,
fragile com’è fragile la gloria!
(Scaglia lo specchio a terra)
Eccoti frantumato in mille pezzi!
Ed ecco, re votato ormai al silenzio,(94)
la morale di tutto questo scherzo:
a vedere con qual rapidità
il dolore ha distrutto la mia faccia. “

RICHARD-II_MaddalenaCrippa_2_Foto-PaoloPorto.jpg

Henry è quindi incoronato RE Enrico IV e Riccardo viene imprigionato nella torre di Londra dove riflette.

“A volte sono un re,
ma subito l’idea del tradimento
mi fa desiderar d’essere un povero,
e tal divengo; ma subito dopo
l’opprimente miseria mi convince
che re è meglio. E re io ridivento
subito dopo, ma poi, ma poi…
penso d’essere stato spodestato
da Bolingbroke, e là non so più nulla…”

RICHARD-II_MaddalenaCrippa_Foto-PaoloPorto.jpg

Scoperta una congiura ai propri danni da parte di vecchi simpatizzanti di Riccardo, il nuovo Re Enrico ne ordina l’uccisione. Solo il figlio del duca di York sarà risparmiato per intercessione della madre. Lo stesso Richard sarà ucciso da parte di un sicario. Ecco le ultime parole di Riccardo:

“Bruci nel fuoco eterno la tua mano
che fa crollar così la mia persona!
Exton, con questo tuo violento braccio
hai macchiato del sangue del suo re
questa terra ch’è sua…
Anima mia, va’, sali in alto, involati,
lassù è la tua dimora,
mentre greve del suo peso mortale
quaggiù sprofonda la mia carne… e muore. “

La tragedia si chiude con le parole di Re Enrico IV. Egli ha impersonificato, secondo parte della critica, il primo sovrano “machiavellico” della storia. L’ipocrisia è uno dei cardini della realpolitik e infatti queste sue parole ipocrite fanno da chiusa alla tragedia che racconta l’uomo, il potere e la Storia.

“Non amano il veleno
quelli che del veleno hanno bisogno.
Così io te. Seppur desideroso
della sua morte, odio il suo assassino;
amo la vittima, non l’assassinio.
A compenso di questa tua fatica
tieniti il tuo rimorso di coscienza,
ma nessuna parola di consenso
da parte mia, né favore di principe.
Va’, con Caino a fianco per compagno,
errando per la tenebra notturna
e non mostrare più la faccia al giorno.
(Escono Exton e gli uomini con la bara)

Signori, v’assicuro,
la mia anima è piena di dolore
nel pensar che dovesse sprizzar sangue
ad irrorar la via della mia crescita.
Associatevi dunque al mio compianto
e vestiamoci tutti di gramaglie.
Farò pellegrinaggio in Terrasanta
per lavare la mia mano colpevole
da questo sangue. Fatemi ora seguito
in un mesto corteo. Fatemi grazia
d’unirvi al mio cordoglio,
piangiamo insieme, dietro questa bara,
un uomo prematuramente morto. “

 

Fonti Bibliografiche:

Le immagini appartengono al Teatro Stabile di Napoli

RICHARD II (2017)
di William Shakespeare
traduzione Alessandro Serpieri
riduzione e regia Peter Stein
con Maddalena Crippa, Alessandro Averone, Gianluigi Fogacci, Paolo Graziosi, Andrea Nicolini, Graziano Piazza, Almerica Schiavo, Giovanni Visentin, Marco De Gaudio, Vincenzo Giordano, Luca Iervolino, Giovanni Longhin, Michele Maccaroni, Domenico Macrì, Laurence Mazzoni
scenografia Ferdinand Woegerbauer
costumi Anna Maria Heinreich
luci Roberto Innocenti
assistente alla regia Carlo Bellamio
produzione Teatro Metastasio di Prato

 

Testo Completo: 

“The Complete Works”, a cura del prof. Peter Alexander, Collins, London & Glasgow, 1960, pagg.XXXII – 1370

Richard II / William Shakespeare ; Edited by Jphn M. Lothian. – Oxford : Oxford University Press, 1974. – 206 p. ; 17 cm.. – (The new Clarendon Shakespeare). – [ISBN] 0198319401.

Traduzione italiana:

Riccardo III / William Shakespeare ; Traduzione di Salvatore Quasimodo. – Milano : Arnoldo Mondadori Editore, 1952. – 149p. ; 18cm. – (Biblioteca moderna Mondadori ; 278).

http://www.sintesidialettica.it/letterature/documenti/riccardo_II.pdf

Sinossi: 

http://www.sparknotes.com/shakespeare/richardii/summary.html

https://www.rsc.org.uk/richard-ii/the-plot

500 parole sul Teatro

Risposte a dieci obiezioni alla frase “Andiamo a teatro?”.

  1. Non ho soldi, costa troppo!

Si butta una valanga di soldi in regali forzati ad amici/amanti/stronzi, serate alcooliche random, pub untuosi e quaderni di dubbio gusto. Ma poi vogliamo parlare di quanti soldi butti al cinema?

  1. E’ palloso, noiosissimo!

Parliamoci chiaro: secondo te è possibile nella vita autentica non annoiarsi mai? La fuga dalla noia deriva dalla pessima abitudine della televisione. Il Teatro non è così! Ci saranno sempre scene sconvolgenti alle quali non puoi sfuggire, dove devi mostrare maturità!Il teatro è un esercizio importante, se ci pensi. Una scuola di vita.

    3.Non ho tempo!

Non voglio sapere come impieghi il tuo tempo perché saranno pure fatti tuoi.. Ma dimmi una cosa: quanto tempo hai? Fin troppo. Talmente tanto che ci sono persone che te lo rubano, letteralmente.E’ veramente vergognoso che tu dica di non avere tempo .Ma poi che hai da fare? Non mentire.

  1. E’ scomodo!

“Andare a teatro” è composta innanzitutto dalla parola Teatro, che è una parola meravigliosa e antichissima perché deriva dal greco “guardare” e ha come radice tayma che vuol dire “ammirazione, meraviglia”. Il verbo “andare” è il maestro di questa festa. “Andare”,indica invece non solo il muoversi verso qualcosa ma addirittura “ nuotarvi verso”(Dal latino“ad-natare”). E infatti poi quando dopo una lunga nuotata “giungete a riva”, voi letteralmente “ad-ripate” cioè “arrivate”. Andare a Teatro è già un viaggio di per sé. E vacci.

  1. Non ho l’età!

Pablo Picasso da piccolo dipinse un ritratto della zia, intitolato Portrait of Aunt Pepa che spinse Juan Eduardo Cirlot a dichiarare: “Questo senza dubbio è uno dei più grandi dipinti di tutta la storia spagnola. Wittengstein all’età di 17 anni scrisse il suo primo teorema completo in logica modale e il dipartimento di matematica di Harvard gli diede una cattedra all’MIT. E tu non hai l’età per andare a Teatro? Sei proprio infantile.

  1. Il Teatro è fatto per i vecchi!

Infatti tu, proprio tu, non vieni, caro/a mio/a giovane!

  1. Mi disturba dover spegnere il cellulare!

Questo è uno problema grosso e non solo tuo:  un problema che sta diventando di tutti. L’euforia di poter condividere ogni momento della nostra vita con persone a migliaia di chilometri ci sta facendo perdere il piacere del contatto con le persone davvero vicine a noi. Il teatro è condivisioneLa condivisione è pura bellezza. E’ vita. E tu te la stai perdendo.

  1. Vorrei pure ma non ho la compagnia adatta!

Il teatro è una cosa “da grandi” nel senso che per tutti i motivi che ho scritto in questo testo è una delle forme d’arte che richiede più partecipazione, senso critico, impegno, attenzione, amore. E chi non lo apprezza o non lo conosce o è vuoto. Pensaci.

  1. Non capisco niente !

Informati responsabilmente. Internet è un minestrone di informazioni, non solo di gattini.

  1. Ho provato di tutto ma mi dà proprio fastidio la gente! Preferisco restare sotto al mio piumone a guardare le serie su NetF.

Sei un caso perso.

Maria e la logica dei vaccini

Questa rubrica nasce dalla voglia di scrivere un po’ di ciò che amo. Il tono sarà volontariamente poco accademico e non conterrà alcuna indicazione medica nel rispetto dell’articolo 348 del c.p. So bene che molti mi snobberanno. E’ grazie a voi e alla vostra puzza sotto il naso che la sanità pubblica sta implodendo. La gente preferisce curarsi con il succo di limone invece che con la chemioterapia solo per non vedere le vostre facce di c

Ormai tutti hanno nozioni di immunologia: le notizie girano su tutti i social e sono molteplici i siti web che permettono di farsi un’opinione a riguardo. La grandezza di internet. Non starò quindi qui a rompervi le palle su come funziona un vaccino perché è una nozione banale e comunissima che sanno tutti, ma vi racconterò un fatto che mi è successo ultimamente. Maria, una mia amica, è giovane ragazza napoletana piena di energia e di buona salute. Non sapendo che fare della sua gioventù decise di fare la mamma a tempo pieno ed ora ha due figli bellissimi: Luigi e Giovanna. Sono due fratellini vivacissi, Luigi ha sette anni e va alla scuola primaria mentre Giovanna ne ha dodici e va alle medie. Mi dicono che sono molto bravi e infatti Luigi fa dei disegni molto belli e conta il resto del salumiere che è una bellezza mentre Giovanna ha finalmente acquisito quella competenza trasversale delle scuole medie-superiori: fumare. Qualche giorno fa Luigi torna dalla scuola primaria col pullmino e dopo qualche ora non si sente bene. Il bimbo riferisce stanchezza, un forte mal di testa e ha qualche decimo di febbre; prontamente Maria, che è una mamma molto informata, va a comprare un antipiretico e glielo dà: il bambino effettivamente sfebbra e sta in casa finché non guarisce. Dopo qualche giorno Luigi sta benissimo e torna a scuola a disegnare i carri armati e i ragazzi del quartiere coi mitra in mano. Le maestre dicono che stava girando l’influenza. Maria torna a casa e trova Giovanna che si sente stanca, ha la cefalea e una lieve febbricola.. Escluse “quelle cose là”, la madre deduce che si sarà “mischiata” l’influenza da Luigi. Allora, va di nuovo in farmacia e prende un’altra dose di antipiretico, che prontamente dà alla figlia. Dopo qualche giorno anche Giovanna guarisce e abbandona i cartoni animati per tornare alla fumosa routine delle scuole medie. Ora Maria, che stupida non è ed è una mamma informata e previdente, va ancora una volta in farmacia e compra una serie di dosi di antipiretico perché è sicura che Luigi, tra qualche giorno, si sarà di nuovo contagiato, stavolta dalla sorella Giovanna e che la stessa Giovanna, dopo un po’, si contagerà a sua volta da Luigi, in un ciclo infinito da cui solo la Madonna Addolorata la può salvare. Accesi venti ceri nel santuario di Pompei, aspetta, aspetta, passa qualche mese e dell’influenza neanche l’ombra. Ma quindi l’influenza non “rimbalza”? Sembra di no. Inoltre viene a scoprire che il migliore amico di Luigi, che si mette spesso le dita nel naso e dà ogni giorno metà della sua mela mangiucchiata al figlio ha avuto l’influenza. E Luigi non l’ha presa. Dunque deduce giustamente che i suoi figli, a differenza del resto dell’umanità, non solo sono i più belli ma hanno anche qualche santo o potere magico che li protegge.

Quel protettore, cara Maria, è il sistema immunitario. E’ una specie di polizia corporea che riesce a monitorare ogni minaccia proveniente dall’esterno, a riconoscerla, a “combatterla” e a ricordarla. E’ certamente una rete complessa, tipo l’Interpol o l’FBI, ma come ogni cosa che sembra strana e difficile, è alla fine riconducibile ad una serie di meccanismi fondamentali molto semplici.
In parole povere: esiste una risposta immunologica primaria e secondaria. La primaria è alquanto lenta e deve seguire delle regole ben specifiche per combattere il patogeno e averne memoria. La secondaria è invece sorprendentemente veloce perché si basa proprio sul presupposto che l’organismo è già venuto in contatto col patogeno e quindi la risposta è dannatamente veloce, processiva e, soprattutto: efficace. Come funziona? Come il Fight Club.

  • La prima regola dell’immuno-club: bisogna distinguere i buoni dai cattivi.
  • La seconda regola dell’immuno-club: i buoni li devi proteggere ammazzando i cattivi.
  • La terza regola dell’immuno-club: ora conosci il nemico: non farti fare fesso né da lui né dai suoi parenti.

Insomma, il virus, il batterio o il fungo prima lo devi riconoscere, poi lo devi distruggere. Ma poi devi fare anche un ragionamento più fine: lo devi ricordare! Perché un domani, se viene un parente del cattivo assetato di vendetta trasversale, devi essere preparato, riconoscerlo e combatterlo prima che sferri anche un solo colpo. Facile, no?

Dato che la natura non si fa mancare niente, il sistema immunitario agisce in maniera alquanto bizzarra; praticamente per riconoscere un qualsiasi elemento estraneo lo deve stracciare in mille piccoli pezzettini e poi si deve sensibilizzare per questi pezzettini. Ecco un esempio (fraudolento) di processamento immunitario:

Infografica 1.png

Figura 1

Nel caso di Luigi il patogeno è venuto in contatto con il suo corpo a scuola. Là ha iniziato a riprodursi e a rompere le scatole finché il sistema immunitario del nostro bambino prodigio non si è attivato. Delle cellule specifiche hanno quindi spezzettato il nostro patogeno in tanti pezzettini e poi lo hanno presentato ad altre cellule ancora più strane che, in base alla forma del patogeno, hanno iniziato a produrre gli anticorpi contro queste parti. Sensibilizzarsi è quindi un “Huston, abbiamo un problema”. Ma il secondo passo è produrre una risposta per ammazzare ‘sti malfattori. E questa risposta è alquanto complessa e fatta sia da vere e proprie cellule assassine che vanno fisicamente a uccidere la minaccia che da piccole entità molecolari chiamate anticorpi. Gli uni non sarebbero niente senza gli altri. Questi anticorpi sono delle piccolissime molecole-segnalatore che, come le classiche microspie dei film di spionaggio, sono in grado di attaccarsi al cattivo, tracciarlo e segnalarlo ai buoni affinché lo facciano esplodere. Ecco un esempio di contatto antigene-anticorpo che lederà ulteriormente la mia reputazione accademica:

infografica 2.png

Figura 2

Ora ti ho fatto una capa tanta, Maria, ma era necessaria questa premessa perché ora viene il piatto forte! Giovanna e Luigi non hanno preso più quel ceppo di influenza perché si sono immunizzati.. Questa parolona non vuol dire altro che hanno avuto una risposta primaria, quella che tu hai riconosciuto come “febbre, malessere… Insomma non stanno bene!”. E questa risposta primaria oltre a togliere da mezzo l’infame ha prodotto anche un terzo meccanismo: la memoria immunologica. Se hai visto la prima immagine di prima, hai notato che per ciascuna delle parti del nostro malvivente sono stati prodotti anticorpi specifici che, come vedi, differiscono per la regione superiore. Questo fatto è importantissimo perché esistono delle cellule che hanno questi anticorpi pronti ad essere rilasciati non appena il nostro malvivente viene di nuovo in contatto con il nostro organismo. Luigi è sicuramente venuto in contatto di nuovo con l’influenza attraverso la mela mangiucchiata ma non l’ha presa perché era immunizzato! Non è bellissimo che Giovanna e Luigi ora stiano bene? S-t-r-a-o-r-d-i-n-a-r-i-o. Ora guarda questa immagine per un attimo:

Infografica 3.png

Figura 3

Immagina un mondo ideale dove noi possiamo saltare il primo passaggio, cioè il contatto con il cattivone e tutta la parte antipatica della risposta primaria e possiamo dare direttamente i pezzi del nostro cattivone, belli e pronti per essere processati e formare una memoria immunologica efficace. In questa società avanzata il tuo piccolo Luigi non prenderà mai l’influenza perché ne è immune e soprattutto non potrà mai passare niente a tua figlia Giovanna. Ora mi chiedi: e come si fa? MA che mondo è questo? Il futuro è già ora! Perché gli scienziati frullano il cattivone e lo rendo non più in grado di fare del male; dopo averlo disarmato a puntino lo danno a cellule, animali e uomini e verificano gli eventuali effetti collaterali. E poi dopo circa quindici anni di sperimentazione lo commercializzano con un profilo di sicurezza elevato, proprio per i tuoi figli. Luigi non prenderà mai quella malattia. Ecco l’infografica definitiva per cui ogni grafico del pianeta vorrà ammazzarmi:

Infografica 4.png

Figura 4

“MA ne vale la pena??????” Mi chiedi. Effettivamente l’influenza potrebbe sembrare una stronzatella ma tieni conto che anche una febbre alta può comunque essere molto dannosa per un bambino piccolo o per un anziano. Ma pensiamo per esempio al Morbillo: se si prende può portare la meningite asettica e addirittura la cecità. Non è meglio vaccinare per questa malattia e fare in modo che tuo figlio non lo abbia mai?

(Nella prossima imprudente puntata discuteremo del nesso tra autismo e vaccini).

 

Fonti Bibliografiche:

  • Peter Parham (2017). Il sistema immunitario a cura di S. Formisano. II edizione. Napoli: editrice EdiSES
  • Janeway, Kenneth Murphy, Casey Weaver ; with contributions by Allan Mowat … [et al.](2017). Janeway’s Immunobiology. IX edizione. New York, London: editrice Garland Science
  • Maglione MA, Das L, Raaen L, Smith A, Chari R, Newberry S, Shanman R, Perry T,
    Goetz MB, Gidengil C. Safety of vaccines used for routine immunization of U.S.
    children: a systematic review. Pediatrics. 2014 Aug;134(2):325-37. doi:
    10.1542/peds.2014-1079. Epub 2014 Jul 1. Review. PubMed PMID: 25086160.
  • Soema PC, Kompier R, Amorij JP, Kersten GF. Current and next generation
    influenza vaccines: Formulation and production strategies. Eur J Pharm Biopharm.
    2015 Aug;94:251-63. doi: 10.1016/j.ejpb.2015.05.023. Epub 2015 Jun 3. Review.
    PubMed PMID: 26047796.
  • Marin I, Kipnis J. Learning and memory … and the immune system. Learn Mem.
    2013 Sep 19;20(10):601-6. doi: 10.1101/lm.028357.112. Review. PubMed PMID:
    24051097; PubMed Central PMCID: PMC3768198.
  • Sarkander J, Hojyo S, Tokoyoda K. Vaccination to gain humoral immune memory.
    Clin Transl Immunology. 2016 Dec 23;5(12):e120. doi: 10.1038/cti.2016.81.
    eCollection 2016 Dec. Review. PubMed PMID: 28090322; PubMed Central PMCID:
    PMC5192068.
  • Prisco A, De Berardinis P. Memory immune response: a major challenge in
    vaccination. Biomol Concepts. 2012 Oct;3(5):479-86. doi: 10.1515/bmc-2012-0010.
    PubMed PMID: 25436552.
  • Best A, Hoyle A. The evolution of costly acquired immune memory. Ecol Evol.
    2013 Jul;3(7):2223-32. doi: 10.1002/ece3.611. Epub 2013 Jun 6. PubMed PMID:
    23919164; PubMed Central PMCID: PMC3728959.

Delia, la donna papavero

XVII

Hai presente quella sicurezza di quando non ti aspetti più nulla ? Di quando sai benissimo cosa farai, chi incontrerai e quando raggiungerai i tuoi obiettivi? No. E neanche io ne ho la più pallida idea. Ma quando avevo vent’anni ero proprio una ebete priva di fantasia e davvero credevo di sapere già tutto. Avevo avuto le mie prime cotte adolescenziali e qualche mestruazione a caso e secondo me qualcosa si era smosso ed ero finalmente donna. Non sapevo cosa mi aspettasse. La mia adolescenza procedette abbastanza spedita, in modo assai banale. Ero brava a scuola e in effetti ebbi successo al liceo. Iniziai anche l’università dei miei sogni.. E fu proprio là che incontrai lui.
Quante balle che dico a me stessa. Ma ho imparato da te, da chi altri che da te? Prima di incontrarti ero una persona diversa: ero limpida. Mi ritenevo limpida. E sei stato tu a riuscire a scavarmi da dentro tutto il nerofumo che nascondevo. Chi lo sa se c’è mai stato un pizzico di verità nella nostra storia. La verità? E’ che ero molto ingenua. E tu troppo furbo. Ero ingenua, cioè.. Una cretina matricolata. Tu sembravi proprio un duro. Ma mai l’avrei pensato che fossi talmente una merda.  Ma alla fine ero io la vera cretina. .

XVIII

<<Come vi siete conosciuti?>> <<E’ una storia di quasi cento anni fa. Va bene.. Va bene.. Come vuoi, Silvia! Successe tutto come sempre accade: un incontro casuale. Prendevamo la stessa metropolitana e.. Boom! Facemmo il pasticcio.>> Quel giorno nella metro faceva un caldo boia e quasi ci si scioglieva dall’afa. I sistemi di aerazione sono quello che sono, soprattutto in estate. E io avevo una valanga di fotocopie di analisi di laboratorio bagnate di sudore tra le mani. << Si, sulla banchina della metropolitana per un caso fortuito – ma nemmeno troppo, direi proprio sfortunato – ci ritrovammo seduti, schiena contro schiena. Che caso vero? >> Non che lo sapessi, certo: se l’avessi saputo sarei scappata. Ma purtroppo la vita non ci prepara a queste cose.
Ciascuno di noi due pensava alla propria piccola meschina porzione di vita. Io sinceramente in quel periodo di problemi non ne avevo e pensavo praticamente agli unicorni. Invece Dario ha sempre avuto la guerra in testa. Che accoppiata pazzesca! Ma chi lo sa lui a quale altra stronzata pensava, l’idiota.<<Poi il treno arrivò e noi ci alzammo alquanto bruscamente. E ci scontrammo. Frontalmente. Proprio come quei personaggi dei film in bianco e nero degli anni ’20.” Ti ricordi, Dario?>>

XIX

<<Ovviamente! Si… Certo, come no. Vabbè sinceramente? Non tanto.  Però ricordo che avevi un malloppo enorme di fotocopie e quello che successe dopo fu esilarante.>> Che stronzo, non si ricorda l’istante in cui mi ha iniziato a rovinare la vita <<Infatti! Mi volarono tutte di mano nel visibilio generale. Tu mi aiutasti a raccoglierle e notai solo che eri proprio un tipo strano. Con quegli occhialoni sembravi un divo alla Antony Perkins. E vogliamo parlare di quel sorrisetto un po’ furbetto… Inutile dirti, Silvia, che in quel casino perdemmo i rispettivi treni e fummo diciamo “costretti” a conoscerci… Io non avevo alcuna intenzione di attaccare bottone con quell’aguzzino di fotocopie! Ma tu insistesti!>><<Ma no! Fui solo abbastanza convincente! Ma Silvia si starà annoiando a sentire questi racconti mielosi..  Chi gradisce altro vino?>>

XX

Era decisamente un’atmosfera strana, quasi familiare. Ovviamente era chiaro che quella non era davvero la cugina di Dario. Ma a me piace stare ai giochi. Per capire dove vogliono andare a parare. Lui poi è imbarazzatissimo.. Impallato. Mai visto così. Ma è una delle tante maschere. Ma cosa darei adesso per una… E’ possente: ti soddisfa come cinque uomini di seguito. E non devi fare altrettanto. E’ un orgasmo pulito per il quale non devi ringraziare nessuno. Quel vino scendeva bene nello stomaco: ma cosa avrei dato per una pista bianca, quella sera. Dov’è Daniele quando serve? Dove?

XXI

<<Quando incontrai tuo cugino tutto sembrò cambiare.. E per la prima volta..Mi innamorai.>> <<Innamo-che? Non scherzare Delia. Ti pare possibile?> <<Certo noi ridiamo. Ma tu, Dario, sei stata la persona più importante della mia adolescenza..>> D’altronde fosti tu o no a presentarmi il primo spacciatore? Un tuo amico, Nicolaj? Uno stronzo matricolato dal quale tu prendevi l’erba. <<Eri proprio bello, non c’è che dire>> Gli occhi di Silvia si fecero improvvisamente più scuri si posarono insistentemente sui miei. Sembrava che stesse decidendo con quale ricetta cucinarmi. Un’altra povera scema. La spello questa stronza se mi guarda di nuovo così. Ma poi da dove è spuntata?

XXII

<<L’amore è una cosa strana, “caro cugino”. Quando meno te l’aspetti c’è qualcuno che emerge da un abisso di mediocrità e ti porta con sé. E’ una cosa magica. Vero Delia?> <<Assolutamente, non c’è cosa più strana.>> Ma questa che cazzo ne sa dell’amore. <<In effetti persi proprio la testa per quel ragazzino tenero con la borsa scassata e i jeans larghi. Mi colpì subito, Dario. Da allora iniziai a progettare la nostra vita insieme! No, vabbé dai. Scherzo! Si scherzo ma un pensiero ce lo feci!>> E anche lui secondo me. Era tutto nella mia testa. Come tutta la merda che venne dopo. Era solo in attesa di avverarsi.
Sunto di quella sera? Strana sensazione tra Dario e la “cugina”. A quanto vedo non ha cambiato abitudine. E’ sposato lo stronzo, ha un figlio e si tiene a questa ragazzina.. E sembra quasi che si giustifichi con quella  per la nostra storia. Non sanno niente di noi. Non sapranno mai che io, ad esempio, non la ritengo davvero una storia. Suvvia: non abbiamo mai fatto sesso. E questo è già un dire. E poi che ne potevo capire io di uomini, venti anni fa. Neanche ora ne capisco granché, ma allora fu alquanto straziante scoprire che le mie fantasie non avevano quel Dario come protagonista.

XXIII

Sarà un caso se mi ritrovo proprio a Lucca per questo convegno ed rincontro il mio primo amore? Sarà un segno? Comunque il telefono tace. Non una chiamata. Non un messaggio. Niente. Quello stronzo di Daniele che starà facendo? Con chi si starà facendo? Ho mentito. Spudoratamente. La mia vita va a rotoli quanto la loro. Più della loro. Ma ormai mi è facile accumulare cazzate perché lo faccio prima di tutto con me stessa. Ho inseguito i figli degli altri per tanti anni ed ora mi ritrovo da sola. Con l’illusione che una carriera accademica fiorisse qui ho messo radici professionali in questa terra che non mi vuole. Ed ora che mi ritrovo? Uno studio medico, un passato da cancellare e una tossicodipendenza. Bene. Benissimo.

XXIV

Sono un rottame. <<Ti va di vederci?>> <<Ma vederci cosa?>> <<Vederci per un caffé. Una chiacchiera innocente. Da te?>> E’ certo che ci vediamo “da me”; come lo spiegheresti a Monica questo casino. Lo ricevetti nella mia stanza d’albergo con la certezza che però non sarebbe accaduto nulla. Nulla. La minestra vecchia si butta nel lavandino. <<Se proprio vuoi saperlo, Silvia, ti dirò che è una banalità. Tra Monica e me è finita perché non eravamo proprio compatibili.>> E’ partito il pippone sulla sedicente ex moglie. Che faccio? Annuisco? Cambio argomento? Cambio argomento. <<Succede a tutti… Ma quella..>> <<No ma fammi dire una cosa: fortunatamente non ci è stato il logorio delle coppie scoppiate. Ci siamo lasciati consensualmente. >>  Probabilmente scopano ancora quei due, altrimenti tutto questo consenso non vedo da dove derivi. Ma che palle. Fortuna che io il matrimonio lo penso in un unico momento.

XXV

Mai. <<Come sta tuo figlio, Dario?>>  Questa domanda sa un po’ di deformazione professionale ma non ne potevo più di sentir blablare di famiglie e di avvocati. <<Luca sta bene. Ha sette anni, cresce sano. Le maestre dicono che è un taciturno. Non so da chi abbia preso questo temperamento. >> <<Lo stai trascurando- lo guardai con lo sguardo più minaccioso che mi veniva -non fare lo stronzo con i bambini! Ne vedo a decine di bambini come Luca: vengono da me almeno tre volte al mese per le cose più disparate. Quando voi vi lasciate iniziate a combattervi usando loro come materiale bellico. E il loro corpo reagisce e si ammalano>>

XXVI

<<Non è vero, mia moglie .. La mia ex moglie ed io siamo sempre stata una coppia equilibrata. Ce ne accorgeremmo se nostro figlio avesse qualcosa che non va>> Ci guardammo con uno sguardo significativo. Dario è proprio cambiato. Quei discorsi pieni di considerazioni filosofiche un po’ pazze e fuori dal mondo non li fa più. Parla solo di lavoro e di questa sua famiglia sfasciata. Sarà che io sono rimasta la ragazzina di un tempo? Forse lavorare con i bambini per tutti questi anni mi ha fatto male. Chi lo sa. Magari quei due non hanno niente da dirsi perché semplicemente più si va avanti e più si diventa distanti. Forse tutte le storie sono a termine. <<Delia a te, come va l’amore?>>.
Che domanda di merda. <<A me va tutto bene. Esco con un ragazzo, si chiama Daniele. Un bravo ragazzo e ci vogliamo bene. Non che sia tutto rose e fiori ma ci vogliamo bene.>> In realtà lui è il mio pusher. E sì, ci scopo. Ma non a tempo pieno. Ma ci siamo quasi. No, non me ne frega un cazzo della tua opinione. Che c’è di male? Io metto i soldi, lui la roba. <<C’è equilibrio tra di noi.. Un po’ come tra te e Silvia.>> Il suo sguardo si è tradito, ma Dario è un libro aperto se lo sai leggere. <<Dai non mi prendere in giro.. Siete due cugini alquanto strani.. Si vede che c’è attrazione tra voi due. Però ora mi devi una spiegazione.>>

XXVII

<<Credo che lei volesse vederti perché è gelosa. Gelosa di me. Della mia storia passata>><<Deve volerti davvero bene. >> Si può mai essere così disturbati già a venti anni per farsi piacere un tipo così? Si. Ma si può riuscire in una carriera professionale in queste condizioni? Evidentemente si. <<Siamo due tossicodipendenti, Dario. Tu di storie tossiche. Io di roba tossica.>> > <<Ma che ti è successo, Delia, in tutti questi anni?>>Fu un attimo che lo baciai. Poi lo spostai bruscamente dalle mie labbra ma lui mi si avventò addosso. E io non feci tanta resistenza. Era come se ci fossimo desiderati per tutto il tempo che eravamo stati distanti. Il profumo della sua acqua di colonia era bello, così mischiato al suo sudore. La mattina non l’ho trovato a casa. Prevedibile, stronzo. Manco per una vecchia amica ha rispetto. Gli ho lasciato un messaggio in segreteria:<<Stasera me ne vado. Torno a Pisa. Devi darti una regolata, Dario. Lo dico per te.>> Funzionerà? Chi lo sa. Ma devo prima fare una cosa.

 

XXVIII

<<Ciao Silvia. Posso entrare? No, forse è meglio che resti sulla porta Non essere sconvolta, non voglio farti nulla.Non preoccuparti, devo solo parlarti. Ritienimi un’amica.. Credo che tu sia mia amica. E io lo sarò con te.>> <<Che vuoi?>> <<In poche parole: Dario non fa per te. Ieri sera è stato da me. Si, è successo. Ma non andare a conclusioni affrettate. Dario mi ha raccontato di te. Tu sei una donna forte. Una vera donna. E non è solo la tua frangetta asimmetrica a dirlo. Non è la cicatrice. Non è come appari. Sei forte e basta, si vede dai tuoi occhi. Si vede perché ami. Sei una persona buona e ti sei ritrovata a vivere una commedia che in realtà è una tragedia. Ora non te ne rendi conto, ma stai sprofondando. In questa commedia tu sei una comparsa. Dario ha dei problemi. Lui riesce a distruggere tutto ciò che tocca. Ha rovinato la mia vita, ha rovinato la vita di sua moglie, poi quella di suo figlio. Ed ora sta tentando di rovinare.

XXX

La tua. Lascialo. Lui non è buono per te. E’ confuso da quando l’ho conosciuto. E non ti ama. Anche se lo dice, non ti ama. Ama solo sé stesso. Tu hai un figlio, Silvia?>> Come mossa da una molla invisibile lei rispose << No, ma lo vorrei>> <<Con lui..?>> <<In verità si.>> <<E’ per questo che io sono qui. Lui me l’ha detto. Si sentiva un mito nel dire che una ragazza come te avrebbe voluto un figlio con lui. Sarebbe una cattiva idea. Devi svegliarti, cara Silvia. E’ tutta un’illusione, quell’amore che provi. Tu hai bisogno solo di essere libera. E’ un diverso sorriso che può darti felicità. Guardami. Sono una tossicodipendente e fu Dario a iniziarmi. Un giorno, all’università, all’ombra di un albero. Ci facemmo una dose di eroina al caldo, sopra un prato. Lui si sparò l’ago nella vena e poi lo fece anche a me. Con lo stesso ago, lo stesso sangue. Lui mi ha rovinato e non vede l’ora di vederti sprofondare. Dammi retta, fuggi via>>

Delia e l’uomo di latta

 <<Buongiorno, Amore. Spero tu stia bene. Ti ho preparato una bottiglia di acqua e sali, per farti riprendere un po’. Ieri sera è andata male, ma sappi solo una cosa: io ti amo. Ci sono delle storie nella nostra vita che sono di transizione. Sono storie che viviamo, inconsapevoli che finiranno. Quella con Delia era una di queste. Sono storie strane, che sembrano essere poste sulla nostra strada per aiutarci a proiettarci nel futuro. E il mio futuro ora è molto chiaro. Il mio futuro sei tu. E te lo dimostrerò. >>

Prima parte: Delia e la donna di cristallo

IX

E’ stato brutto vederti in quello stato. Certo non lo hai mai retto davvero l’alcool e questo in altri momenti ci ha fatto ridere. Ma ieri sera hai proprio esagerato. Io odio le scene isteriche. E in quel momento mi sono irrigidito. Lo devo ammettere, mi hai colto di sorpresa. Ma poi quando sei crollata al suolo, come un grattacielo demolito, non potevo più credere ai miei occhi. Quel tuo corpo così bello, accasciato a terra, aveva perso la sua mitica bellezza ed era improvvisamente un pezzo di carne. E stavo per fare la cosa più meschina che mi è venuta in mente.

Lasciarti marcire per terra. Ma che tipo di bestia sono diventato? Non sono degno nemmeno dell’appellativo di essere umano. Come posso pensare a delle cose così orribili e poi ritenermi una brava persona? MA sì, certo, poi ti ho rimessa a letto. Si vabbé tu dirai che non l’ho fatto strettamente per te perché forse un po’ meschino lo sono davvero. E sia. Ma poi ho scritto quelle parole perché sapevo che non avrei trascorso la notte là e al tuo risveglio non mi avresti cercato.

Come un getto. Le parole sono uscite così facilmente dalla mia penna che quasi mi stupivo che fossero vere. Immaginavo te che le leggevi e mi chiedevo cosa avrei voluto dirti, dal profondo di me stesso. Non è stato facile scriverti. E non è facile ora essere all’oscuro della tua reazione. Vorrei tanto sapere che hai pensato, ma non credo che ti chiamerò. Non oggi. E so che non lo farai nemmeno tu. E la cosa terribile è che, forse, non ne ho bisogno perché so cosa pensi.

X

<<Cazzate! Cazzate! Cazzate! Hai capito?>> << Calmati, Silvia. Ma tu non eri ubriaca, ieri sera? >> <<Si, ma questo è un dettaglio! Hai capito quel Dario che ha osato dire? Che “quella” gli ha insegnato ad amare! Ma amare cosa, brutto porco! E io? Non valgo nulla? Non gli ho insegnato niente? Sono una troia da sbattere quando gli pare?>> <<No, tesoro. Tu non sei affatto così. E stai sconnettendo, fattelo dire. Quella è solo un fantasma che fa parte del suo passato. E’ lontana. E tu non puoi esserne gelosa… Non è affatto un pericolo per voi…. >>

In realtà ho sempre pensato a Delia. Non in quel senso, ma ogni tanto mi viene in mente. E mi chiedo: chissà. Chissà come sarebbe andata tra di noi. E, come se pensassi ad un mondo incantato, non mi distacco più da quel pensiero. Chi lo sa se nostra figlia sarebbe stata come lei. Chi lo sa che sarebbe successo se mi fossi trasferito con te a Pisa. Se le cose sarebbero andate diversamente e se adesso fossi tu mia moglie. Forse ti amerei. E non avrei bisogno di un’amante. Che pensieri odiosi.

In realtà Silvia è la donna più intuitiva che abbia mai incontrato. E mi dispiace anche per come la tratto. Ma la situazione è complicata. Complicata. Diciamo complicata va’. La gente quando gli dici “complicato” capisce e ci crede. O finge di farlo Ragazzi, tutti hanno dei problemi. Ma gli avvocati sono una scocciatura troppo grande. La casa.. E’ di mia moglie. E’ sua. E l’affidamento di nostro figlio… Non voglio nemmeno pensarci. Non avrei nulla, nemmeno più il diritto di vedere lui e finirei a vivere con Silvia.

XI

Per carità, è un amore di donna. E’ quasi perfetta. La stimo in tutto. Ma ha un carattere strano. E’ dolce e irascibile allo stesso tempo. Mi fa ridere ma in un attimo tutto può cambiare e potremmo diventare completamente nemici. Forse lei non fa totalmente per me. Almeno non in un rapporto ventiquattr’ore su ventiquattro. E’, come dire…

Una relazione a tempo determinato. Come quei lavori part-time di merda dove ti sfruttano ad ore come la peggiore delle squillo per poi non ritrovarti nulla in tasca. Quel <<Vattene.>> che ha pronunciato potrebbe essere inteso come “per sempre”. Chi lo sa se mi farebbe bene un po’ di distanza da lei. Ma, ora che ci penso, come mi è venuto di fare questo errore così stupido. Certo, i lapsus non si comandano, per definizione. Ma tra le tante… Proprio Delia! Non la potevo chiamare “Mamma o altro? Tra le tante, inutili, storie sono andato a scavare l’unica che ha quella caratteristica.

L’unica che è significativa. Proprio per questo non ho conservato nulla di nostro tranne quella foto. Ma no! Non ce l’ho proprio fatta a buttarla. Ce la siamo fatti vent’anni fa all’ombra di un albero. E guarda caso proprio Silvia l’ha trovata. Era destino, o cosa?

XII

<<Ho caldo, Dario>> <<Amore, ripariamoci sotto quegli alberi>>. Estate inoltrata: il logorante cigolio delle cicale fa da tappeto per delle parole pigre. <<Qua si sta meglio.>> Eravamo visibilmente provati dal caldo e non c’era nulla che ci distogliesse dall’idea di un bagno fresco. Ma si doveva pur sempre studiare. Con un movimento lento mi cinse le braccia attorno al collo. << Guarda quella nuvola. Assomiglia ad una farfalla. – poi mi guardò fisso con quegli occhi dal contorno sfumato- Non ci lasceremo mai, vero?>> E io risposi impunemente.

<<Mai. Non ci lasceremo mai>>. Le nostre mani si strinsero e lei lasciò scivolare un quaderno logoro. Sulla copertina una scritta. Delia Ferrari, Luglio ’94.” In quel periodo non pensavamo mai al futuro. Era tutto bello anche se non ce ne accorgevamo. L’università andava bene e noi cercavamo di costruire qualcosa. Ma non c’era quella corsa contro il tempo di qualche tempo prima. Non c’era proprio niente dell’adultità. Non c’era l’ansia. Non c’era l’obbligo di dover lavorare. Sembrava tutto perfetto. Il destino era da una sola parte.

Dalla nostra. E invece oggi no. Il destino non c’entra niente. E’ una stronzata. Tutto si è dileguato. Niente esiste. I soldi dominano le nostre esistenze. E gli interessi più meschini sono alla base del comportamento umano. <<E allora perché tu, Silvia, non puoi accettare anche un po’ della mia meschinità? Ora conosci anche una parte rilevante del mio passato. Che cosa sarebbe la nostra relazione senza un po’ di storia? Cenere? Sesso? >> Le parole che ti vorrei dire. Forse per conoscere davvero qualcuno ne dovremmo conoscere due cose.

XIII

L’infanzia e il poeta preferito. Ma non c’è abbastanza tempo per sapere tutto. Non c’è abbastanza tempo per conoscere nemmeno sé stessi. Non c’è tempo per fare nulla. L’altro ieri ho fatto la fila alla posta ma poi è finito il tempo e la posta ha chiuso. Non c’è tempo nemmeno per aspettare. Non c’è tempo per nulla. C’è tempo solo per consumarci, lentamente. C’è tempo di essere gocce di cera che colano e, finito il loro uso, finiscono nell’oblio dell’inutilità. C’è tempo solo per essere stoppini bruciacchiati.

<<Credo di avere esagerato nel dirti che lei mi hai insegnato ad amare.>> Ho pronunciato queste parole con un mazzo di fiori in mano. Non dovrei mentire così spudoratamente, non sul mio passato, ma ho troppa paura di perderti. <<Non fa niente>>. Mi hai fatto entrare in casa e abbiamo fatto l’amore. Il solito copione. E’ come se fosse tutto già scritto nella mia mente mentre stavi arrivando hai detto che mi ami. E io ho pensato per un attimo a come è fare l’amore con Delia.

In effetti non ne ho idea. Non l’abbiamo mai fatto. Sembra strano. Stanotte mi sono alzato e ho lasciato Silvia dormire da sola nel suo letto. Avevo bisogno di aria e me ne sono andato come un traditore. Mi tirai la porta, senza chiuderla a chiave. Quando ho acceso la moto ho visto la tua luce accendersi nella stanza. Ma stavo già sfrecciando veloce sul lastricato . Non un passo indietro. Per un attimo ho pensato di farla davvero finita e di schiantarmi contro il guardrail. Ma chi mi conosce davvero sa bene l’aggettivo che mi rappresenta.

XIV

Codardo. Sono un codardo. La serratura si aprì di scatto e rientrai a casa mia. Come al solito era notte inoltrata e Monica fingeva di dormire. Mi adagiai nel letto, distaccato ormai da un anno dal suo, con tutti i vestiti ancora addosso. Ormai non mi cambiavo neanche più dopo aver fatto l’amore con l’altra. E forse mia moglie sapeva tutto e non diceva niente. Chi lo sa lei che faceva quando tornavo tardi, la sera. Come ci si può fottere per un dettaglio così insignificante mentre tua moglie non sente nemmeno più l’odore delle secrezioni di un’altra donna. Ma quella sera la mia Monica non aveva sonno.

E’ venuta a letto e, senza dire una parola, si è alzata la gonna e ha voluto consumare su di me. Io nemmeno ho detto una parola. Non posso pensare troppo a sentimentalismi. Poi ha concluso e se n’è andata in bagno. Lo scrosciare della doccia ha lavato via dei pensieri tristi che si facevano strada nella mia mente. Senza dire nulla, senza dirmi “a” è tornata a letto. Quella sera sono entrato in due donne e ho lasciato il mio seme dentro di entrambe. E mi sono addormentato come tutte le notti.

Senza dire una parola. <<Silvia, come puoi dire di amarmi davvero se non accetti nemmeno il mio passato?>> <<Si che lo accetto. Anzi. Ti ho fatto venire qui per un motivo.>> << Quale?>> <<Lo sai.>> Dovrei forse scrivere un discorso da dirle. Forse la tranquillizzerei. Quattrocento parole. Giuste. Pesate. <<Silvia, hai pienamente ragione. Delia non è più niente per me. Ho esagerato>> <<Lo so. Ma io ora voglio vederla. Voglio vedere Delia>> Il cigolio della sveglia digitale mi ha svegliato, tingendo la stanza di tonalità rosse e blu. Era un sogno. In un angolo della stanza c’è il letto di Monica. Sopra c’è un cumulo di lenzuola e di carne. Sarà lei. Sì. Respira. E’ lei. Ora sul mi corpo sento odori di donne diverse.

XV

Qualche tempo fa era diverso. Monica ed io ci siamo sposati che eravamo totalmente innamorati. E tutto è andato benissimo. Abbiamo comprato la casa dei nostri sogni, ci siamo realizzati nel pieno delle nostre energie. Sette anni fa abbiamo avuto un figlio, Luca. Sembrava che tutto andasse per il meglio finché.. Finché niente. Non c’è un momento di frattura chiaro, definito. Abbiamo iniziato a non parlare tanto e i silenzi, che prima erano secondari, hanno iniziato ad essere centrali nella nostra vita. Il matrimonio è diventato quello che non avrei mai voluto.

Un obbligo. La fede: una catena. La casa: un carcere. Nostro figlio: il contenitore delle nostre frustrazioni. Abbiamo provato con la terapia di coppia. Per un periodo lei è stata a vivere da una sua amica. Ma non è servito a niente. Tutto ha iniziato a scivolarci dalle mani. Ed il bello era che non riuscivamo a fermarlo in nessun modo. Il benessere nel quale prima ci riconoscevamo era diventata ormai un’accozzaglia di oggetti di scena. Oggetti per la nostra opera più grande.

Una tragedia. E poi ho incontrato Silvia a casa di amici. Lei era solare, era piena di quella voglia di vivere che cercavo da tempo. E me ne sono innamorato. Follemente. Sembra una stupidaggine ma è davvero così. E l’ho iniziata a corteggiare. Lei in un primo momento era titubante – per via della fede- ma poi ha ceduto. Ed ora abbiamo una storia bellissima. Tranne che per un dettaglio.

XVI

Non è lei mia moglie. Quell’invito inaspettato per la cena non poteva che rendermi felice. Mi sono fatto una doccia veloce e mi sono fiondato a casa sua. Quella sera avevo proprio voglia di vederla e ho comprato un vino buono per divertirci quel poco che basta. In pochi chilometri ce l’avevo fatta.

Arrivato a casa ho parcheggiato nel giardino del tuo villino. Volevo fare una sorpresa ed entrare dalla porta di servizio. E allora ho notato nel parcheggio secondario una auto. Che sia l’auto di qualche parente? Non lo so. Ho bussato alla porta. Le mani mi sudavano e c’era nell’aria un piacevole odore di manicaretti. E poi è successo.

Si è aperta la porta. E non eri tu. Ho avuto un attimo di straniamento. Poi lo straniamento ha fatto posto ad un senso di… Ho capito.

Non sarebbe stata la solita cena, quella sera. Ad aprirmi la porta era stato un ciuffo di capelli ramati che rivestivano due occhi verdi che conoscevo troppo bene. <<Dario, Auguri! Dopo tanti anni!>>

<<Che ci fai qui… DELIA?>> <<Mi ha invitato tua cugina Silvia.. Simpaticissima! Auguri per il tuo onomastico! Mi trovavo qui ed eccomi!>> <<Oggi è il mio onomastico? Me ne ero completamente dimenticato. Grazie>>. Dietro alla porta, sul divano, c’era Silvia. Sul suo volto una smorfia divertita. Una cosa è certa: sarebbe stata una cena davvero interessante.

 

Continua…